Deviated Sister T.V.: The coming of the 1st generation

0
Condividi:

Davvero niente male gli alessandrini Deviated Sister T.V., band nata nel 2003 per volontà di Aleph Zero, già membro di svariate formazioni dedite al genere industrial. Con l’aiuto della consorte mAlice (e di Claudio Dondo dei Runes Order, che ha collaborato alla realizzazione del brano “We have made a religion!”) Aleph è riuscito a produrre il primo mcd del gruppo, che si intitola The coming of the 1st generation e si compone di cinque tracce piuttosto convincenti, che mi hanno colpito fin dal primo ascolto. Nella biografia in mio possesso ci sono chiari riferimenti agli act che più hanno influenzato i DST.V.: in particolare vengono citati numi tutelari come SPK, Einsturzende Neubauten, Throbbing Gristle, Cabaret Voltaire e band che si sono affermate in anni recenti come Hypnoskull e Converter, ma direi che sono proprio queste ultime quelle a cui è più facile accostare il combo piemontese. Ad eccezione della già citata “We have made a religion!”, che è caratterizzata da atmosfere cupe e da una forte componente melodica, il materiale incluso in questo lavoro si inserisce tranquillamente nel filone rhythmic-noise e, tutto sommato, non ha poi molto da invidiare a quello prodotto da tante formazioni famose della scena elettronica più estrema. L’incastro tra ritmiche superveloci ed elementi industrial sembra essere materia alquanto congeniale ad Aleph e mAlice, che “deliziano” le orecchie degli ascoltatori con composizioni che non danno loro tregua neanche per un istante, ma che pur essendo caratterizzate da una certa ripetitività non risultano mai noiose o difficili da digerire. Sinceramente non ho trovato pecche in questo mcd, e come dicevo all’inizio esso ha rappresentato per me una piacevole sorpresa, per cui mi auguro di risentir parlare presto dei Deviated Sister T.V., magari in occasione dell’uscita del primo full-lenght! Per adesso mi limito a segnalare il loro nome agli estimatori del sound Hands/Ant-Zen, che leggendo queste righe si saranno già molto incuriositi…

Per informazioni: Mario Olivieri, via Carducci 68/A, 15076 Ovada (AL); Tel. 392-9143501
Email: [email protected]
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.