En Velours Noir: La Danse Interdite

0
Condividi:

Ver Sacrum Ecco qualcosa di davvero diverso e veramente interessante. Questo lavoro s’inserisce nella scena dark con una sua peculiarità. Niente sintetizzatori impazziti, chitarre infernali e voci apocalittiche, ma una struggente fisarmonica tesse delicati e passionali trame di un tango fuori dal tempo, decadente e melanconico. La musica danza- è proprio il caso di dire – su liriche sentimentali (tra cui anche una poesia scritta da Pier Paolo Pasolini) evocando immagini da fine de siecle ma collocandole su un orizzonte atemporale, rendendole icone di uno spleen molto intimo e raffinato. Il mini cd è bellissimo, tutti i brani riscaldano il cuore, trascinano la mente ed affascinano l’ascoltatore avvolgendolo con melodie melodrammatiche che solo le reminiscenze di tangueros argentini sanno suscitare. Ma la musica è nuova, la ricerca progressiva appagata. Prova davvero superlativa: è proprio vero che la creatività genuina sa attingere dalla luce di ogni stella, anche quella più lontana e meno visibile. Ecco una perla da disciogliere nel calice dei propri pensieri e da assaporare al chiarore di una luna malata.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.