Room With A View: Collecting Shells At Lighthouse Hill

0
Condividi:

Ver Sacrum Va pian piano affermandosi una nuova tendenza, traendo solide basi da quanto esposto negli ultimi anni da Novembre, soprattutto, e da Klimt 1918 in seguito. Lo confermano il recente parto degli interessanti En Declin, “Trama”, opera già matura pur trattandosi di un esordio, ed il secondo capitolo dell’ancor fresca discografia dei Room With A View. I quali spostano ancor oltre i confini del loro sound, impiantando su una solida base melodico/melancolica input mediati da certo rock moderno, giungendo ad un più che soddisfacente risultato complessivo. Non solo urgenza strumentale va ricercata in brani meditati e dotati di buona struttura, ma anche grande attenzione alla resa finale, ed il trittico d’apertura costituito da “Breathe the water”, “Friction” (presente pure in versione videoclip, la My Kingdom Music nulla abbandona al caso, basti per ciò lo splendido artwork curato da Zaelia Bishop!) e “Sometimes anywhere” lo afferma. Risalta nitido il lavoro del titolato Jens Bogren, che nel suo rinomato Fascination Street Studio (ove ha già operato per Katatonia, Opeth, Pain Of Salvation ed altri ancora) ha ospitato il quartetto: ne deriva una fragrante commistione fra atmosfere darkeggianti e sonorità mediate dall’emo-rock più crepuscolare, con abbondanti dosi di vigore stemperate in un contesto ricercato e per nulla banale. Come la splendida intro, affidata alla tromba dell’ospite Paolo D’Antonio, della disperata “Penitence”, gravida di cupe aspettative, o nella ammiccante “Against my will”. Francesco Grasso ed Alessandro Mita, membri fondatori del gruppo, possiedono la grazia di saper ben calibrare gli impusli che da ogni singolo episodio del disco possono scaturire, generando uno splendido caleidoscopio di emozioni, come nella scheggia acustica “Collecting shells”, alla quale segue una più movimentata “The farther side of Heaven”. Un’eccellente conferma, sia per i RWAV che per la loro patrocinatrice MKM, ascoltate la raffinata e jazzy “Remembering our goodbyes”, canzone che giustifica appieno l’appellativo di Arte attribuito alla nostra amata Musica.

Per informazioni: www.mykingdommusic.net
Web: http://www.masterpiecedistribution.com
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.