Tying Tiffany: Undercover

0
Condividi:

Ver Sacrum Negli ultimi tempi si è fatto un gran parlare di questa Suicide Girl emiliana, che si dedica sia alla professione di dj che a quella di musicista. Devo dire che ho avuto modo di vederla in azione su entrambi i fronti e la mia impressione è che (per il momento) se la stia cavando molto meglio quando si limita a proporre roba fatta da altri! Il suo live-show è infatti alquanto noioso e certamente non all’altezza delle aspettative, visto che Tiffany appare ancora un po’ acerba come performer e non ha quella presenza scenica che invece si addice alle interpreti del genere musicale cui lei fa riferimento. In molti, infatti, hanno parlato di TT come della “Peaches italiana”, ma evidentemente costoro non hanno avuto modo di assistere a un concerto di entrambe le cantanti, visto che tra la bravura della prima e quella della sua più famosa collega c’è un vero e proprio abisso. Ma veniamo piuttosto a questo Undercover, un dischetto non esaltante ma in certi casi abbastanza gradevole da ascoltare, che piacerà agli estimatori dell’electroclash e dell’elettronica più “leggerina” e commerciale. Senz’altro se lo avessi sentito prima di assistere all’esibizione della sua autrice sarei stata un tantino meno critica nel recensirlo, ma visto come sono andate le cose non posso fare a meno di giudicare il lavoro di questa musicista nella sua completezza, dicendo per esempio che uno degli elementi più discutibili tra quelli che caratterizzano le sue canzoni è senz’altro la voce, alquanto stridula e irritante. Insomma, le parti vocali dell’album (oltre che quelle che si possono ascoltare dal vivo…) sono da dimenticare, mentre il sound risulta più che passabile in parecchie occasioni, vedi ad esempio in pezzi come “Cat killer show”, “Honey doll” o “LCD Soundsystem is playing at my house” (titolo che ovviamente rende omaggio alla band di Mr James Murphy, a sua volta autore di una track chiamata “Daft Punk is playing at my house”). Concludo qua dicendo che mi pare chiaro che la Tiffany sia un po’ il classico esempio di personaggio “tutto fumo e poco arrosto”, ma è anche vero che trattandosi di una newcomer i margini di miglioramento ci sono, per cui vediamo come cambieranno le cose con la prossima release…

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.