Beyond The Void: I Am Your Ruin

0
Condividi:

Ver Sacrum Band tedesca dalla configurazione di tutto rispetto (ben sei elementi con vocalist, lead guitar, chitarra ritmica, sintetizzatori e piano, basso e violino nonché batteria) i Beyond The Void presentano un lavoro Goth dalla notevole elaborazione. Le canzoni sono allestite con accuratezza e trapela la notevole esperienza dei musicisti. Lo stile oscuro è ben evocato in coerenza con le lezioni del passato, non mancando ammiccamenti a passaggi rock non meno “classici”. Bella “Ruinborn” ed anche la melanconica “Nothing”, ma tutte le tracks esprimono in fondo un comune messaggio espressivo accattivante e piacevolmente “pop”. Sicuramente il maggiore e migliore pregio delle composizioni è che sono tutte molto godibili, si lasciano sorbire senza grandi traumi ma forse il limite della band è proprio questo … troppa ricercatezza, troppo studio, e poca ispirazione sincera. Si capisce, come già detto, che i musicisti sono bravi e pertanto sono davvero capaci di riversare le loro capacità ed il loro bagaglio culturale ed esperienziale nelle loro elaborazioni, ma consequenzialmente si sente la carenza di uno spirito sinceramente ribelle e creativo. Il prodotto è quindi valido, meritevole delle attenzioni che la band già gode, ma per maggiore soddisfazione attenderei un cd che esprima davvero l’anima del gruppo e non solo le capacità tecniche ed intellettuali dei componenti

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.