L'Ame Immortelle: Dein Herz

0
Condividi:

Ver Sacrum Già con il precedente album “Gezeiten”, i L’Ame Immortelle avevano virato il proprio sound verso una direzione piu’ marcatemente “gothic-rock” rispetto ai loro primi dischi; chitarre, basso e batteria hanno soppiantato quasi completamente i synth, accodandosi ad una tendenza che sta facendo sempre piu’ proseliti e che personalmente mi fa rimpiangere la band che avevo conosciuto ed amato sul finire degli anni ’90. Eliminata quindi quasi completamente la loro componente “elettro”, il duo austriaco ha mantenuto il gusto per brani pomposi, di gusto neoclassico con sezioni d’archi, unico legame tra le loro produzioni piu’ recenti e quelle piu’ datate. L’imminente album “Auf Deinen Schwingen” (già disponibile quando leggerete queste righe) promette quindi di fondere ancora le due anime dei L’Ame Immortellle, ma andiamo per ordine ed esaminiamo ora il singolo “Dein Herz” che ha anticipato il nuovo album. La title-track (che ritroveremo anche sull’album) è un brano che racchiude tutti gli elementi sopracitati, dalla bella ed inconfondibile voce di Sonja Kraushofer, ai riff di chitarre, alle sezioni d’arco e dal controcanto di Thomas Rainer. Brano pomposo ed orecchiabile, si accoda nell’elenco degli hits della band austriaca senza infamia e senza lode; delle tre versioni presenti sul dischetto, la migliore è quella originale, che preferisco alla rilettura dai toni piu’ delicati che ne danno i Pilori ed al remix di tali Transporterraum. Due i brani esclusivi per questo singolo: la prima è l’ormai abusatissima “Alone” (già fatta da Sopor Aeternus), dal famoso testo di Edgar Allan Poe con interpretazione vocale di Thomas e la noiosa “The Lake” cantata invece da Sonja. Un singolo che non può certo suscitare particolari entusiasmi per il nuovo album.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.