Scream Silence: Saviourine

0
Condividi:

Ver Sacrum Dopo l’acclamato “Elegy” del 2004, tornano i tedeschi Scream Silence con un disco di tipico goth-rock. Una delle caratteristiche del dischetto che stiamo esaminando è la facilità di assimilazione di ogni singolo episodio, anche quelli più estesi in durata (e non è da tutti dare inizio alle danze con un brano di nove minuti circa, come il peraltro ottimo “Narrowness”). Ne consegue che Hardy Fieting e colleghi piazzano una bella serie di pezzi orecchiabili al limite del ruffiano, con dei potenziali hit quali “Finite state”, “Homecoming” (bella ballatona strasentita, ma irresistibile) e “Creed” (primo singolo estratto) che si susseguono senza che si verifichi la minima caduta di tono. Elementi di modernità si possono comunque riscontrare in più d’una traccia del disco, come in “Verity”, prova corale brillantemente superata dagli strumentisti, ottimi nel proporre un sound fresco ed aggiornato; “Nonentity” si mantiene dignitosamente nella media, mentre ben più cupa e sofferta si rivela “The void”. Melancolia e melodia distribuite in egual misura caratterizzano ogni strofa di “Saviourine” (che chiude la trilogia principiata con “Seven tears” del 2003), frutto del lavoro e dell’esperienza di un insieme maturo che sa perfettamente come accattivarsi la simpatia dell’ascoltatore. E se “Like the upcoming coldness while you’re drowning in yourself and try to gasp” si merita un premio per il titolo più lungo, estenuante non lo è certo il suo contenuto, in quanto è l’ennesimo azzeccato esempio di gradevole ed accattivante goth-rocker. Lo stesso dicasi per “Beloved sweet curse”, mentre la lenta “The fright” incede solenne, precedendo il classico inno che il combo di Berlino non può farsi certo mancare: in questo caso il ruolo è affidato agli otto minuti della pacata ed umbratile “Yon”. Non per nulla il loro motto è “quality never goes out of style”: non trattasi di sterile proclama, in quanto trova applicazione con certosina cura teutonica in ogni uscita marchiata Scream Silence (“Saviourine” ha impegnato il gruppo per ben otto mesi di intenso lavoro in studio, e quelle presenti sul cd sono il risultato di una accurata selezione, avendone incise ben ventitre). Una sicurezza per tutti coloro che amano l’acquisto a scatola chiusa!

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.