Seabound: Double Crosser

0
Condividi:

Ver Sacrum Elegante: termine abusato ma decisamente calzante per descrivere la musica dei Seabound. “Double Crosser” è il terzo album del duo tedesco (ed al momento il migliore della loro discografia) e ribadisce il loro stile e la loro classe: un disco curato in ogni dettaglio, con brani dalle atmosfere malinconico-notturne ed altri dalle ottime potenzialità dance, il tutto sviluppato con un tocco elegante (scusate la ripetizione) che pochi gruppi ormai possiedono. Tra i tanti validi brani del cd, assegno alla magnifica “The Promise” (che ritroviamo anche nel secondo cd della bonus edition in due ulteriori, ottimi remix a cura rispettivamente di Olaf Wollschlaeger e Covenant) la palma di n.1, senza scordare “Scorch the ground” e “Traitor”, (già note in quanto apparse su alcuni sampler in versioni leggermente diverse), “Castaway” e “Domination”. Crepuscolari e malinconici, i Seabound dimostrano d’avere raggiunto con questo disco la piena maturità e di ambire legittimamente ad un ruolo di primo piano nel panorama “elettro” internazionale. Cinque i brani inclusi sul secondo dischetto della “limited edition” (tiratura 2.000 copie); già detto delle due ottime versioni di “The promise”, il lotto è completato dall’esclusiva “Asymmetry”, un remix dei Rotersand per “Scorch the ground” ed una nuova versione del solito Olaf Wollschlaeger per “Poisonous friend”: cinque ottimi brani che fanno di questo secondo cd un’ appendice di lusso all’album vero e proprio. Indiscutibilmente uno dei migliori album elettro dell’anno.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.