I Am Ghost: Lover's requiem

0
Condividi:

Ver Sacrum In America ed Inghilterra sono già molti quelli che si sono stancati del filone “emo” e che mal sopportano le decine e decine di giovanissime formazioni dedite a questo genere, invece in Italia (dove tutto viene scoperto con un po’ di ritardo…) l’interesse verso tale tipo di musica è cresciuto moltissimo nell’ultimo paio d’anni, e non accenna certo a calare. Probabile quindi che anche il primo full-lenght degli I Am Ghost non passi affatto inosservato, tanto più che non si tratta del solito cd scontato e uguale a tanti altri. Lover’s requiem è infatti un bell’esempio di come si possa fare una “variazione sul tema” senza allontanarsi troppo dai canoni che caratterizzano in maniera determinante lo stile di cui si sta parlando. Le tracce incluse sono sì contraddistinte dalla classica alternanza tra momenti ultramelodici e parti più tirate, ma in più ci propongono atmosfere dalle tinte oscure (talvolta sottolineate dal suono del violino…) e pure l’accoppiata tra voce maschile e femminile, che tra l’altro in questi pezzi risulta piuttosto piacevole da sentire. Leggendo le mie ultime parole qualcuno di voi si chiederà se per caso il gruppo ha qualcosa a che vedere con il gothic metal, ma per mia (e vostra) fortuna posso rispondere che non è così e che, sebbene ci siano alcune similitudini tra i due generi, l’emo-goth così ben rappresentato dagli IAG è tutt’altra cosa… Qui infatti non si ha a che fare con lunghe canzoni intrise di romanticismo abbinate a melodie stucchevoli fino alla nausea e a voci femminili che sovrastano quelle maschili, bensì con brani piuttosto freschi, dinamici e d’effetto, vedi ad esempio l’ottima triade iniziale costituita (escludendo l’intro) da “Our friend Lazarus sleeps”, “Killers like candy” e “Dark carnival of the immaculate”, cui seguono altri otto episodi altrettanto gradevoli da ascoltare e di qualità sicuramente non inferiore. Una band da tener d’occhio quindi, che pare avere le carte in regola per non essere una delle tante meteore…

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.