Enter Shikari: Take to the skies

0
Condividi:

Ver Sacrum Davvero non potete immaginare quanto mi viene da ridere quando sento dire che “La musica di oggi è tutta uguale”, o che “I nuovi gruppi sono solo buoni a copiare le cose del passato”, difatti non riesco a capire da quale pianeta provenga la gente che afferma queste cose, specie se si tratta di persone che hanno grande familiarità con l’ambito musicale, e trovo che loro “ignoranza” in materia sia piuttosto preoccupante, perché di roba strana in giro ce n’è eccome!! I giovanissimi Enter Shikari, per esempio, entrano di diritto nella categoria delle “formazioni più assurde del momento” e, pur essendo alle prime armi, dimostrano di avere le idee chiare e di propendere molto per l’innovazione e l’originalità, oltre che per il rischio. Eh sì perché il loro mix tra emo, HC ed elettronica è qualcosa che lascia spiazzati, ma che personalmente trovo piacevole e intrigante, visto che comunque non si tratta di un’accozzaglia di cose che si legano male l’una con l’altra, e che il quartetto è riuscito a realizzare canzoni nelle quali melodia, aggressività e velocità si alternano di continuo. Come dicevo poco fa ci vuole del coraggio per proporre un lavoro con tali caratteristiche, perché per quanto ben fatto e orecchiabile rimane pur sempre qualcosa di bizzarro e anomalo, e mi domando che tipo di pubblico potrà accoglierlo con favore, senza scandalizzarsi più di tanto. I giovanissimi appassionati di emo sono forse quelli che si convinceranno più velocemente della validità di questa band, mentre ho un po’ di dubbi riguardo agli hardcore fan (che secondo me sono tra i meno portati ad apprezzare un prodotto del genere) e a chi ascolta l’electro, perché di solito chi segue VNV Nation o Covenant non va ad interessarsi a gente come, che so io, Terror o Funeral For a Friend! Rimane però il fatto che Take to the skies è un esordio con i fiocchi, e quindi l’augurio è che il gruppo inglese possa ottenere tutta la considerazione e il successo che merita, altrimenti sarebbe davvero un gran peccato…

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.