Aa.Vv.: Schlagstrom - Krrbrrrtztzkrrr 02

0
Condividi:

Ver Sacrum Per chi non lo conoscesse, lo Schlagstrom è un festival per pazzoidi disposti a stare ore e ore a farsi torturare le orecchie dalle band più estreme tra quelle in circolazione, anch’esse formate da individui che di normale hanno poco o nulla visto che passano il loro tempo a giochicchiare con rumori al limite del fastidioso e dell’assordante. Ovviamente sonorità così particolari o le si ama o le si odia (le vie di mezzo non esistono…), ma a onor del vero la sottoscritta le ha sempre apprezzate e ne ha seguito l’evoluzione nel corso degli anni, notando con un certo compiacimento che persino in questo campo c’è sempre spazio per l’originalità e l’innovazione. Krrbrrrtztzkrrr (mai titolo fu più appropriato per un lavoro del genere!) è una raccolta di brani inediti ed esclusivi realizzati dai gruppi che hanno partecipato all’edizione di quest’anno (svoltasi a Berlino il 17 e il 18 agosto scorsi), e vi assicuro che ce n’è davvero per tutti i gusti se gradite i suoni sferraglianti, il “caos ordinato” e le sensazioni forti. In generale il livello qualitativo è molto alto, ma tra le oltre venti tracce incluse ce ne sono alcune che lasciano davvero il segno, dimostrando che pure in questa scena il talento è una componente fondamentale per realizzare qualcosa capace di distinguersi dal resto. Mi riferisco nello specifico all’industrial-noise-metal massiccio che contraddistingue il pezzo di Muckrackers, al sound ipnotico-abrasivo di “Hell, whores high heels” di Dazzling Malicious, alla mutevolezza dell’assurdo “Freeimprovisation” di Yann Keller vs Hecate, alle atmosfere rarefatte di “Ulunda” di Hybryds, all’intrigante “Dispute wormix” di :Bahntier// e soprattutto al farraginoso “Medicine” di Dr. Nexus (bellissimo esempio di devianza “industrialoide” dall’ormai attempato rhythmic noise!). Un disco per cultori insomma, ma chissà che qualche neofita, nell’ascoltarlo, non si appassioni di brutto e decida di entrare a far parte della cerchia di “malati mentali” che andranno alla prossima edizione del festival.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.