Spetsnaz: Deadpan

0
Condividi:

Ver Sacrum Dopo essersi sciolti e riformati nel giro di poche settimane, gli Spetsnaz si riaffacciano sul mercato con il doppio Deadpan, terzo album della loro discografia. Se fino ad oggi il sottoscritto non era mai stato particolarmente affascinato dalla musica del duo svedese, non certo originale ma decisamente ispirata all’EBM “old-school”, l’ascolto del nuovo album mi ha invece piacevolmente coinvolto; intendiamoci, la formula degli Spetsnaz non è cambiata e l’ombra dei Nitzer Ebb si erge piu’ che mai su di loro, forse quindi il segreto è da ricercarsi solo in un songwriting mai in precedenza efficace come oggi. Micidiale ad esempio, la prima parte del cd1, con le varie “Nothing but black”, “ManGod”, “Faustpakt” ed “Indifference”; piu’ in generale, in alcuni brani di Deadpan, i consueti ritmi incalzanti degli Spetsnaz vengono arricchiti da venature “pop” piu’ marcate che in precedenza, per un lavoro forse piu’ “leggero” rispetto ai suoi predecessori, ma dal mio punto di vista, decisamente piu’ godibile. Piccole novità che non snaturano certo il sound del duo svedese, con brani al solito piuttosto brevi, ma incisivi e ficcanti, come dei veri e propri “blitz” tra le linee nemiche, tanto nel primo quanto nel secondo dischetto che include altre nove tracce tra inediti, live ed un remix.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.