Mad Sin: 20 Years in Sin Sin...

0
Condividi:

Ver Sacrum La nuova release dei Mad Sin si presenta bene già a partire dalla copertina, nella quale i componenti dello storico combo originario di Berlino sono raffigurati a mezzobusto, un po’ in stile “foto segnaletica della polizia americana”. Nemmeno a dirlo le loro facce fanno paura (il cantante Koefte De Ville è uno di quei tizi che nessuna persona vorrebbe incontrare in un vicolo buio e poco frequentato!), le loro capigliature sfidano la legge di gravità e i tatuaggi coprono un buon 30 per cento dei loro corpi, ma per fortuna queste non sono le uniche particolarità grazie alle quali i sei riescono a farsi notare… Da lungo tempo, infatti, i Mad Sin rappresentano uno dei punti di riferimento della scena psychobilly europea, e per festeggiare i vent’anni di carriera pubblicano un doppio album dalle caratteristiche decisamente interessanti. Il primo dischetto contiene sia pezzi inediti che alcune rare b-sides, mentre il secondo ci propone un concerto registrato in quel di Hollywood con l’aiuto di Moses Schneider (produttore dei Beatsteaks), oltre ai videoclip dei brani “I shot the sheriff” e “Meat train at midnight”, filmati durante il With Full Force Festival del 2006. Questi ultimi sono assai spassosi, ma in generale il materiale incluso nel secondo cd mi ha impressionato più di ciò che si trova nell’altro, e questo perché il carismatico Koefte e i suoi compagni sono bravi, precisi e “grezzi” quanto basta per regalare al loro pubblico performance tiratissime e divertenti, durante le quali il sound proposto acquisisce quel dinamismo e quella carica utili a fare la differenza. Canzoni come “Psychotic night”, “Fuel for brains”, “All this and more” e molte altre fanno venire la voglia di andarsi a vedere i Mad Sin dal vivo, ma purtroppo ho il timore che, almeno in Italia, la cosa non sarà possibile nel giro di breve tempo, per cui accontentiamoci di ascoltare questa release, dato che è già una gran bella consolazione…

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.