Heaven Falls Hard: Solace

0
Condividi:

Ver Sacrum Come i Caelum Bliss recensiti poco sopra, anche quest’altro progetto si inserisce nel filone dell’ethereal più legato alla matrice wave (quello, per intenderci, che origina più dai Cocteau Twins che dai Dead Can Dance). Solace è un disco contraddistinto da morbide e piacevoli melodie, da suoni dilatati e rilassati, solo leggermente malinconici; la presenza delle percussioni è netta e tagliente, forse in alcuni casi messe troppo in risalto in fase di mixaggio rispetto alle tastiere che, sullo sfondo, creano l’atmosfera complessiva del disco e alle note del pianoforte che ne caratterizzano in molti casi il pathos. Le chitarre arpeggiate e spesso riverberate possono ricordare certe espressioni post rock ma nel complesso si tratta di musica molto più morbida e melodica. Bella la voce della cantante che, pur non avendo un timbro o tonalità unici, si mantiene sempre su buoni livelli e non eccede mai in tentativi al di sopra delle proprie possibilità ma, al contrario, si fa notare per la sua presenza centrale ma allo stesso tempo discreta e graziosa. Anche in questo caso non posso dire di essere in presenza di un disco che abbia cambiato il mio modo di concepire la musica o che sarà in grado di segnare un’epoca ma nel complesso mi è piaciuto anche quando si inoltra verso terreni leggermente più rumorosi (“The Shroud”). Peccato per qualche piccolo peccatuccio che, evitato, avrebbe potuto migliorarne il risultato complessivo.

Per informazioni: http://www.fossildungeon.com
Web: http://www.myspace.com/heavenfallshard
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.