Aa.Vv.: Capture & Tension

0
Condividi:

Ver Sacrum Sta prendendo sempre piu’ piede la moda di pubblicare sullo stesso disco, due o piu’ mcd. Dopo alcuni volumi realizzati dalla Infacted e Klangfusion (disco che univa due mcd a firma di S.I.T.D. e Painbastard) della Accession, ecco la Rupal Records realizzare questo Capture & Tension, che ci presenta brani nuovi o inediti di DavaNtage, Wynardtage, Acylum e Animassacre; i primi tre gruppi propongono quattro tracce ciascuno, mentre Animassacre (progetto che arriva da Varna, Bulgaria) si limita a tre pezzi e la tracklist viene completata da un pezzo realizzato in collaborazione tra Rupalheads ed Acylum. Il cd viene aperto dai veterani DavaNtage, con due pezzi decisamente buoni come “Translate my heart” e “Capture & Tension”, validi esempi dell’elettro-industrial della band di Chemnitz; meno efficace il remix della title-track a cura di Rupalheads e quello di “Mars is waiting” firmato Dismantled. Wynardatge mi sorprende positivamente con l’ottima “Peace of mind”: brano che esce dai confini del solito “harsh-elettro”, grazie anche all’interpretazione vocale femminile, che ben si combina con il ritmo incalzante di questo pezzo, rendendolo un potenziale hit. La voce femminile caratterizza anche la bella “When we are gone” (brano estratto dall’album Praise the fallen), qui remixata da Painbastard; buone anche “Midnight Crucifixion” ed il remix dei Suicidal Romance per “Peace of mind”. Decisamente interessanti i brani firmati da Animassacre, progetto che non conoscevo e che ci propone un elettro-industrial piuttosto buono, dai contorni oscuri e, seppur riconducibile all’harsh, meno dozzinale di tanti altri. Acylum invece rappresenta coi suoi quattro pezzi, il lato piu’ abrasivo e prettamente harsh di questo sampler: sonorità dure sopratutto in “Beton Kopf” e “Breaking the chains”; piu’ “morbide” (sopratutto nella versione “Dead End”) le tonalità di “Alone”; chiusura affidata alla bella “E-Prisoners”, brano dai beats pulsanti per cui uniscono le forze Acylum e Rupalheads. Nel complesso Capture & Tension è un disco da promuovere, sia per il livello tutto sommato piu’ che buono delle tracce che include, sia per il prezzo vantaggioso; un’ottima opportunità per approcciare quattro realtà della Rupal Records.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.