Agonoize: For the sick and disturbed

0
Condividi:

Ver Sacrum C’è un dato di fatto che porta punti a For the sick and disturbed, nuovo mcd degli Agonoize: il disco è uscito contemporaneamente ai nuovi album di Amduscia e Cephalgy (anche questi tra le recensioni di questo mese) e vicino a cotante schifezze, anche l’ennesimo lavoro mediocre del trio berlinese fa la sua (modesta) figura… insomma, se non è meglio degli altri due, è certamente meno peggio! Sarà che oggi sono particolarmente accondiscendente, ma nelle sette tracce del mcd (cinque inediti e due remix), trovo anche qualcosa di buono: “In deinem grab” ad esempio è un buon pezzo, almeno per quanto riguarda le musiche, osservazione valida anche per “A cut inside my soul” e “Staatsfeind”; la vocals continuano invece ad essere pessime ed asservite (come i testi), all’harsh-elettro ed al binomio “evil and blood” tanto caro a Mike Jonson e soci. Piu’ convenzionalmente “harsh” e ad alto tasso diI bpm, la title-track e “Schaufensterpuppenarsch”, prossimi cavalli di battaglia degli Agonoize sui dancefloor. For the sick and disturbed (di cui va sottolineata la copertina, cafona ma originale ed auto-ironica nel suo concept fumettistico) è quindi un classico prodotto “alla Agonoize” ma si fa preferire ad altri loro dischi ed è (clamorosamente) meno peggio di quanto mi sarei atteso.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.