Kirlian Camera

0
Condividi:
Kirlian Camera

Kirlian Camera a Cremona, Foto di Candyman

Quando si è fan dichiarati di un gruppo e quando si ha assistito a oltre venti concerti dello stesso, si corre il rischio di scrivere commenti non propriamente imparziali e condizionati dalla “fede”; nonostante ciò, non temo smentite nel sostenere che il “live” dei Kirlian Camera in quel di Cremona il 24 Aprile scorso, sia stato un grandissimo concerto! Una band in forma strepitosa, un pubblico caloroso e realmente interessato all’evento, un locale rivelatosi superiore alle aspettative, sono stati gli ingredienti di un’ottima serata.

Partiamo quindi col parlare del Midian: formalmente un pub (solito ospitare concerti “metal”), il locale si rivelerà piuttosto ampio, arredato in uno stile horror assai simile a quelli della catena “Transilvania”, con un palco spazioso e con un buon impianto (anche se per la resa ottimale del concerto si rivelerà decisiva la mano del tecnico del suono dei Kirlian Camera); insomma, una location superiore a conti fatti a tante altre più blasonate. L’affluenza dei pubblico è discreta (un centinaio di persone circa) e comunque ideale per creare un buona cornice, anche perchè a differenza di quanto troppo spesso accade in questi ambiti, chi è accorso al Midian questa sera è realmente interessato all’evento, cosa che svilupperà un ottimo feeling tra band e spettatori.

Poco dopo le 23, il concerto ha inizio; come di consueto, i Kirlian Camera salgono sul palco disponendosi in linea, indossano i passamontagna e fissano l’audience sulle note di un intro. Quindi si parte, con l’ottima “Odissey Europa”, uno dei brani, tratti dal nuovo cd Shadow Mission – Held V su cui sarà imperniata buona parte della scaletta, in un’alternanza di brani nuovi e classici re-interpretati. La band è in formazione a cinque elementi: Angelo ed Elena sono accompagnati da Sarah Crespi (violino e tastiere), Sophia Wald (chitarra, electronics) e Matia Pescatori (electronics); sulle capacità di front-woman di Elena e sulle sue qualità vocali è già stato detto/scritto tutto, inutile aggiungere altre lodi a questa grandissima interprete!

Già da diverso tempo abbiamo avuto modo di apprezzare la bravura di Sarah Crespi che col suo violino impreziosisce alcuni brani (si veda la nuova versione di “Heldenplatz”) , da sottolineare quindi l’apporto della chitarra elettrica della Wald: una piacevole e riuscitissima novità, che ha dato un tocco in più nei brani che la vedevano coinvolta (“Comfortably numb” e “Illegal apology of crime” tra le altre).

Su tutto ovviamente l’imprescindibile figura di Angelo (due i brani che lo hanno visto cantare: la nuova “Enemy closing in” e la classica “Erinnerung”, uno dei pezzi che non mancano mai in scaletta). In una tracklist che ha visto succedersi alcuni tra i migliori brani del repertorio della band emiliana, (con la novità di una sorprendente cover di “Hymn” degli Ultravox), ho apprezzato in particolare il trittico “Heldenplatz”, “Edges”, “Blue room” che ha chiuso la prima parte del concerto. Il calore dei fans ha fatto tornare sul palco i Kirlian Camera per una prima tornata di bis (“Ascension” e “K-Pax”) e successivamente per chiudere in triofo con la classicissima “Eclipse”. Un ottimo concerto, per una band che continua a regalare grandi soddisfazioni ai propri fans e ad essere motivo di vanto per la scena “alternativa” italiana.

Setlist concerto (l’ordine dei brani, nella parte centrale, potrebbe non essere corretto):

Odissey Europa
Comfortably numb (Pink Floyd cover)
Coroner’s Sun
In the endless rain
Enemy closing in
Hymn (The power and the glory) (Ultravox cover)
Illegal apology of crime
Erinnerung
Europa drama orbit
Heldenplatz
Edges
Blue room
—-
First encore
Ascension
K-Pax
—-
Second encore
Eclipse

Kirlian Camera

Kirlian Camera a Cremona, Foto di Candyman

Links:

Kirlian Camera: sito ufficiale

Kirlian Camera @ MySpace

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.