Elane: The silver falls

0
Condividi:

Ver Sacrum Vorrei visitare le terre di Glenvore, attraversare di buon mattino e con passo lento i suoi prati smeraldini, rilucenti di gocce di rugiada come perle addobbanti steli delicati, dissetarmi in polle d’acque cristalline, ascoltando estasiato il loro chioccolio sommesso, osservare gli armenti mugghianti pascolare beati, sotto l’occhio vigile del lesto mandriano. Si aprono i cancelli della felicità (“Open the gates”), ed eccoli ad accoglierci, con benevola grazia, Joran Elane, Skaldir ed il consorzio di musici che colle loro melodie tracceranno il percorso che fianco a fianco compiremo. The Silver falls è folk attraversato da leggiere ed inebrianti scariche elettriche, prodotte dalle chitarre di Skaldir, a suo agio pure come cantante (sua l’interpretazione della squisita bonus “Three roses”, breve e suggestiva elegia virgiliana), episodi come “Elfennacht”, “Paperboat & silverkite” ed “Amber fields” gettano un ponte tra un passato ancora ben nitido, ed un futuro che potrebbe riservarci ulteriori sorprendenti evoluzioni. Un sound che abbraccia la verve celticheggiante degli ultimi Dare, ma pure gli umori sotterranei e dardeggianti degli Anathema più riflessivi (ispirazione che i nostri hanno chiaramente palesato), fresco ed attuale, che non si smetterebbe mai d’ascoltare… e se questo non è un pregio…

TagsElane
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.