Tyske Ludder: Anonymous

0
Condividi:

Ver Sacrum Torna uno dei gruppi di punta dell’ebm “old-school” piu’ muscolare. Anonymous è il nuovo album del trio tedesco, formatosi nei primi anni ’90 e tornato attivo dopo una lunga pausa, nel 2005, con l’album Sojous, seguito dal mcd SCIENTific technOLOGY dello scorso anno. Il nuovo disco ci offre dieci tracce dove l’ebm “old-school” incontra l’industrial: brani dai beats pulsanti che non danno fiato all’ascoltatore; un susseguirsi di martelli che trova nelle varie “Gebet”, “Psychoaktiv” e “Narben” alcuni dei suoi migliori episodi; da rilevare la presenza di “Panzer”, cover dei pessimi Jesus and The Gurus, resa qui certamente piu’ accettabile. In un disco che non brilla certo per la varietà del songwriting, si pone in evidenza “March”, contraddistinta per l’appunto da una cadenza da marcia-militare. La forza ed al tempo stesso il limite di questo disco, sta nella sua “compattezza”: un monolite che si abbatte sull’ascoltatore, coi suoi ritmi incalzanti ed il vocione tipico dei Tyske Ludder, insomma, un disco imperdibile per i fans dell’ebm “old-school” ed altrettanto trascurabile per tutti gli altri.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.