Tony Wakeford: Not All Of Me Will Die

0
Condividi:

Ver Sacrum Puntuale come sempre ecco una nuova uscita solista di Tony Wakeford. Dedicato alla poetessa ebreo-polacca Zuzanna Ginczanka, assassinata dalla Gestapo nel 1944 a Cracovia, è molto diverso dalla musica proposta dal gruppo madre, quasi più una colonna sonora immaginaria che un album di canzoni. L’apertura è relegata ai ventidue minuti di “Non Omnias Moriar”, tra le cose più vicine all’ambient acustico mai prodotte da Wakeford. Il risultato non è molto convincente, Tony Wakeford non ha mai brillato come musicista, e si sente, perché già dopo pochi minuti il brano diventa terribilmente ripetitivo e monotono, nonostante il goffo tentativo di far evolvere il pezzo poco più avanti, quando subentra un parlato che più che altro spezza completamente il fluire del suono. L’album non migliora neanche andando avanti con le tracce, restando sempre piuttosto anonimo in un settore, questo, dove senza un po’ di personalità si rischia di scomparire tra le migliaia di progetti similari. Fallimento per Tony, ma restiamo in attesa di buone nuove per un nuovo Sol Invictus.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.