Wynardtage: Walk with the shadows

0
Condividi:

Ver Sacrum Dopo sette anni di attività, Kay Arnold ha deciso di far calare il sipario sul suo progetto Wynardtage ed affida al doppio cd Walk with the shadows il compito di accomiatarsi dai suoi fans. L’opera è articolata in ben 32 tracce, con una manciata di inediti ed una vera e propria abbuffata di remix a cui prendono parte nomi piu’ o meno noti del panorama harsh-elettro/industrial (Grendel, Leaether Strip, L’Ame Immortelle, Din A Tod, Painbastard, Aesthetic Perfection, Agonoize, Xotox, X-Fusion, ecc…). Tra i pochi inediti, i primi tre brani del cd1 sono rappresentativi dello stile del progetto tedesco: la title-track, è forse il miglior pezzo del lotto, un brano in cui la carica dell’harsh-elettro convive con una buona linea melodica, proseguendo quindi sulla strada tracciata dal precedente album The Grey Line (il migliore della discografia di Wynardtage). “Demons right behind you” è invece un incalzante pezzo dal sostenuto numero di BPM, mentre “The cold spell” è una lenta ed introspettiva ballata oscura. Tantissimi (troppi a mio avviso) i remix a cura di altri gruppi, con risultati ovviamente altalenanti; da segnalare, sempre sul cd2, la presenza delle cover (piuttosto scolastiche a dire il vero) di “Cold (The Cure), “With or without you” (U2) e “Der Sturm” (Calva Y Nada). Pur non brillando certo per originalità e peccando di iper-produttività, Wynardtage ha dimostrato in questi anni di essere uno dei migliori (o meno peggio, fate voi) progetti in campo “harsh”…insomma, pur non essendo tra i miei progetti preferiti, avrei preferito che fosse qualcun altro a smettere.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.