Downstairs Left: Nothing But Memories

0
Condividi:

Ver Sacrum Questo bel Ep è un assaggio del debut album che il terzetto tedesco sfonrnerà nell’imminente prossimo anno. Il disco si apre con una dolcissima ballata “The Rose” romantica e decadente, intrisa di di delicate ma prodonde emozioni. Davvero encomiabile l’archiettura del brano, delicata ma comunicativa, nostalgica e dolcissima. Anche “Out Of Reach” segue più incalzante ma carezzevole. Tra le onde emotive del suono echeggiano ricordi di verità dimenticate, di disperazioni sotterratte, luci soffuse che si perdono nell’oscurità. Le tracks si inseguono quindi secondo un leitmotiv di rèverie e sottile tormento. Un po’ meno convincente la terza traccia, “Come And Go”, un po’ più scontata nella sua ritmica più sollecita. Più inquitante invece “Salvation”, dai suoni arcaici evocati da un cosmo dimenticato di solitudine. Lo spleen domina la creatività di questa nuova band che invero si presente in modo molto convincente. Il decadentismo, che forgia con la sua sensibilità la dark wave, ha trovato un suo nuovo interessantissimo cantore.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.