Razorfade: Liberation EP

0
Condividi:

Ver Sacrum I Razorfade sono il nuovo progetto di Clifford Ennis, già chitarrista degli Ikon e soprattutto di Mark Tansley, ex “mastermind” della band inglese dei Suspiria, una vera gloria, più per demeriti altrui che per meriti propri, della scena inglese degli anni ’90. Il “soprattutto” è indispensabile in quanto la comunanza tra Suspiria e Razorfade è davvero innegabile. Chi ha amato il gruppo inglese autore di The Great And Secret Show e Drama ritroverà in questo Liberation EP le stesse atmosfere gothic-rock inglese di fine millennio, mescolati in scoppiettanti ritmi up-tempo. I suoni sono ovviamente più “moderni”, nonché significativamente contaminati in arrangiamenti electro. L’EP contiene tre versioni della title-track, due brani del gruppo e la cover di “Pale Shelter” dei Tears For Fears: si tratta di episodi molto leggeri ma piacevoli, adatti per un ascolto in disimpegno. “Liberation” è un pezzo carino in cui l’eredità dei Suspiria si fa sentire pesantemente; “Last Time” è il brano più electro/future-pop, con un bel ritornello e dei riusciti arrangiamenti in cui gli arpeggi goth della chitarra elettrica si uniscono all’incedere frenetico delle tastiere. “A push away from faling” è invece la canzone più gotica dell’EP, un pezzo malinconico ma con un ritmo seppur non velocissimo sempre ben sostenuto dai colpi della drum-machine. Carina ma un po’ a grana grossa anche la cover dei Tears For Fears, riproposta in una versione veloce e vivace (forse un po’ troppo vivace). Da pochi giorni si è saputo che il gruppo ha firmato un contratto per registrare tre album con la Alfa Matrix: pur non essendo niente di che i Razorfade faranno inevitabilmente un figurone rispetto a buona parte del roster della label belga.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.