Arditi / Signa Inferre: Statues Of Gods / Invictis Victi Victuri

0
Condividi:

Ver Sacrum Nuovo split anche per gli Arditi, alla prima uscita discografica dopo lo scivolone di Omne Ensis Impera, che qui non fanno che confermare il declino musicale lungo il quale si è avviato il misantropico duo. “Statues of Gods” aggiunge qualche maldestra spezia mediorientale alla formula marziale, ma il risultato è fiacco, monotono, senza mordente. In una parola, noioso. Solo A Challenge Of Honour potrebbe fare di peggio, a questo punto. È invece la prima uscita discografica per gli sconosciutissimi Signa Inferre, ai quali spetta l’ingrato compito di risollevare la qualità di questo 10″. E tutto sommato non sono neanche male. Il suono è più vario, sempre entro i limiti del genere, si intende, e più accattivante rispetto ai fratelli maggiori. C’è più enfasi nel suono dei tamburi, che sono elaborati e dinamici, ma il risultato generale manca un po’ di sostanza. Per essere dei novizi non c’è male, hanno tutte le carte in regola per migliorare. Nell’edizione iper-limitata sono presenti due t-shirt e una borsa di tela col logo del gruppo. Belle, bellissime, ma se volete della musica allora cercatela da un’altra parte.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.