Ver Sacrum Ennesimo album (e primo sulla label da loro stessi fondata) per i De/Vision, band sinonimo di synth-pop di chiara influenza “depechemodiana”, che anche stavolta non si smentisce, con un album che nel bene e nel male, non riserverà sorprese a fans e detrattori del duo tedesco. Popgefahr è quindi il “solito” album dei De/Vision, sinonimo di synth-pop gradevole e rassicurante, che nel caso specifico trova i suoi momenti migliori in brani come “Time to be alive” e “Rage” (le similitudini tra questo brano e “Wrong” dei Depeche Mode” sono piuttosto palesi!) e che per il resto scorre senza riservare particolari sussulti, nè in positivo, nè in negativo; preparatevi quindi a brani melodici, che alternano momenti piu’ ritmati con episodi maggiormenti malinconici (e che a volte sfiorano lo stucchevole). Disco discreto ma che al tempo stesso non dice nulla di nuovo, Popgefahr è destinato dopo qualche ascolto a scivolare nell’oblio ed a divenire solo uno dei tanti capitoli della discografia dei De/Vision.