Fuck Buttons: Olympians

0
Condividi:

Ver Sacrum Dopo il clamoroso successo di Tarot Sport, questo 10″ è la prima uscita del duo anglosassone. “Olympians” è una bella traccia di noise elettronico melodico – pare un ossimoro, ma suona proprio così – che nei suoi undici minuti parte da un drone sorretto da beats e tastiere minimali per deflagrare in un mare di distorsioni. La seconda traccia è un remix della title track ad opera di J. Spaceman (Spaceman 3, Spiritualized) decisamente non all’altezza. Il brano è reso meno distorto e più morbido, con l’aggiunta in sottofondo di un costante crepitio di fiamme e di una specie di nenia aliena. Spariscono pure i beats e le distorsioni, lasciando solo un’ambient che davvero non rende giustizia all’originale. Altrettanto sottotono è il remix di “Rough Steez”, per l’occasione eseguito da Alan Vega (Suicide), che spara beats più dance-oriented e canta, stonato come una campana, su una base che è pressoché identica all’originale. L’impressione che si ha è che i Fuck Buttons abbiano voluto chiedere dei remix a personaggi che hanno chiaramente influenzato il loro suono, e che questo sia più un disco per loro stessi che per noi. Peccato, perché visto i nomi in ballo poteva uscire fuori qualcosa di veramente spettacolare.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.