Xykogen: Musica Universalis

0
Condividi:

Ver Sacrum L’unica nota positiva di questo disco è che, se proprio volete, potete scaricarlo gratuitamente dal link riportato di seguito. Dire che si tratta di un guazzabuglio confuso e presuntuoso è puro “understatement”. Già a vedere la line-up non c’era da aspettarsi nulla di buono da Musica Universalis: negli Xykogen milita infatti anche uno dei fondatori degli History of Guns, gruppo britannico di cui abbiamo parlato ampiamente (e male) in passato. Cosa dire di questo CD? Mettete in un immaginario robot da cucina sonoro un po’ di sperimentazione rituale alla Coil, un filo di rock più o meno industriale, tanta psichedelia di scuola tedesca, aggiungete qualche sonorità elettronica di seconda mano e frullate con vigore il tutto. La ricetta è proprio questa: di innovativo e originale non c’è nulla. Come se la pochezza dell’ispirazione non fosse già un limite evidente il gruppo si cimenta più che goffamente con una costruzione delle canzoni totalmente destrutturata e aperta: se l’inizio di “Citizen’s Arrest” faceva sperare in un decente brano synth-pop da dance-floor, le speranze vengono mortificate quasi subito per il singhiozzìo sonoro che affligge il pezzo e che ne spezza il ritmo, fino a quando il tutto si apre in un delirio strumentale psichedelico. Con tutta la buona disposizione d’animo che mi contraddistingue non riesco a trovare in questo CD manco una cosa buona da dire. Quindi è meglio non aggiungere altro.

Per informazioni: http://www.myspace.com/xykogen
Web: http://www.mrsvee.com/xykogen
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.