Permafrost: Stellar Frost

0
Condividi:

Ver Sacrum Permafrost, l’algido ulteriore progetto di Marco Grosso, produce il suo vero e proprio primo cd dopo alcune uscite singole. Il progetto, come propone lo stesso titolo dell’opera, evoca atmosfere gelide ma non appartenenti ad un inverno terrestre bensì alle vorticose voragini di freddo interstellare. I brani sono caratterizzati, secondo un ottimo stile industrial, da un notevole uso di sonorità profonde, continue. dilatate, cosmiche. L’atteggiamento consigliato all’ascoltatore è sicuramente quello dell’imperturbabilità estatica: visioni di solitudini glaciali si sovrappongono ed inseguono senza posa, in una caleidoscopia di sensazioni mutevoli e sfuggenti. Merita menzione l’uso di carillon inserito nel sapiente dosaggio di sonorità irreali manipolate dal guru della Invisible Eye. Bon voyage tra le stelle.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.