Ritus: Legion

0
Condividi:

Ver Sacrum Quattro tracce di ambient casereccia e anonima per gli irlandesi Ritus. Il primo brano è otto lunghi minuti di banalità che l’ascoltatore medio del genere avrà sentito centinaia di volte. Si continua sullo stesso tono col secondo brano, solo che questa volta i minuti sono 20. E, purtroppo, anche col terzo. L’enorme problema di questo gruppo è che amplifica all’inverosimile una musica che già di per sé è statica per natura, rendendola ancora più immobile. In una parola, noiosa. Difficile recensire un disco come questo, perché davvero c’è poco da dire su un disco costruito, fondamentalmente, sul nulla.

TagsRitus
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.