IbridoXN: Non ingerire

0
Condividi:

Nell’underground nazionale si muovono entità che coscientemente rifuggono alla classificazioni ed alle troppo comode categorizzazioni. Come gli IbridoXN, trio che bada all’essenziale, che sa anche abbandonarsi alla poetica disillusa di “Bolla” e “Nel buio”, ballate crepuscolari che mettono a nudo sentimenti contrastanti, dall’incedere rallentato e dalle ambientazioni rarefatte che stridono con episodi muscolari e più immediati quali “All’apice” ed “Io non voto”. Che gli IbridoXN siano gruppo dall’identità spiccata (dote rara oggidì) lo dimostrano l’amara “L’anno del toro” e la coraggiosa “La giostra” (motivo da sagra popolare coniugato in chiave rock!), sintetizzando poi quanto di meglio partorito dalla scena alterna  italiana ne “Il seme della follia” e ne “L’odio”. E pure ottimi compositori poi (ascoltate il finale in crescendo de “Lo specchio in cantina”): sono i testi a promuovere definitivamente Non ingerire a splendida realtà ed i suoi propugnatori, pur se agli esordi, a ben più che semplice promessa. Non sono gli unici, e nemmeno i soli, è che per apprezzare dischi come questo ci si deve impegnare. Il futuro (della nostra musica) non ce lo siamo ancora giuocato, allora! (PS: eccellente la produzione di Cristiano Santini ed apprezzabile, nella sua didascalica semplicità, l’artwork).

Per informazioni: www.myspace.com/ibridoxn
Web: http://www.ibridoxn.com
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.