Cervello Elettronico: Process of Elimination

0
Condividi:

Con colpevolissimo ritardo parlo ora di una release che per chi scrive ha rappresentato una delle uscite più valide in ambito elettronico del 2010. Nonostante Process of Elimination sia stato pubblicato quasi un anno fa (almeno nell’edizione Rustblade qui in esame: la prima uscita dell’opera risale addirittura al 2009) sarebbe un delitto non segnalare l’interessante proposta di David Christian, mastermind di un progetto che nonostante il nome italiano proviene dagli Stati Uniti. L’album contiene 12 brani più 2 remix di un’elettronica tanto ballabile e intrigante quanto fredda e distaccata: si tratta di composizioni quasi completamente strumentali, con minimi interventi vocali e qualche campionamento. Il tutto farebbe pensare ad un disco pallosissimo, i cui brani sono giusto fatti per essere ascoltati singolarmente, magari in una serata in discoteca. In realtà l’ascolto di Process of Elimination non stanca né annoia, sebbene il CD abbia una durata di ben 74 minuti! La cosa che ho trovato più intrigante nella musica di Cervello Elettronico è il suo mescolare dei suoni affascinanti ma algidi, che creano un’atmosfera molto “cool”, con delle ritmiche trance a cui è impossibile resistere. Interessante è anche il suo saper creare un melange sonoro che da un lato rimanda alle sperimentazioni dei pionieri dell’elettronica e dall’altro è assolutamente in sintonia con le migliori istanze della scena electro-sperimentale contemporanea. A me Process of Elimination ha poi ricordato, con piacere, i tardi Clock DVA, anche se a onor del vero lo storico gruppo di Adi Newton non compare fra le influenze dichiarate di David Christian. Un plauso alla Rustblade per aver pubblicato un’altra chicca e una tirata d’orecchie al sottoscritto per il ritardo con cui ve la segnalo: con la promessa che in futuro riserveremo a Cervello Elettronico l’attenzione che merita.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.