E’ morto il regista Ken Russell

1
Condividi:

Ken Russell è morto ieri all’età di 84 anni. La sua ricca filmografia è fatta di pellicole estremamente diverse tra loro. Il grande pubblico lo ricorderà principalmente per Tommy, la rock-opera degli Who, per Whore (puttana) o per Donne in Amore, che fece guadagnare alla sua interprete Glenda Jackson l’Oscar come migliore attrice nel ’69.

Noi di Ver Sacrum lo abbiamo amato soprattutto per i suoi film più deliranti, a partire dal controverso (e splendido!) I Diavoli, visionario ed iconoclasta, con delle stupende scenografie ispirate ai dipinti di Bruegel, fino al sottovalutato Gothic, versione romanzata della famosa notte del 1816 passata da Mary e Percy Shelley, Polidori e Byron nella villa sul lago di Ginevra e dalle cui suggestioni nacquero Il Vampiro e soprattutto il Frankenstein.

Da ricordare con affetto sono inoltre La tana del serpente bianco, tratto da un racconto di Bram Stoker, L’ultima Salomè, ispirato alla Salomè di Wilde, Messia Selvaggio e il “lisergico” Stati di allucinazione.

Condividi:

1 comment

  1. Christian 29 Novembre, 2011 at 23:25

    Grande perdita per il cinema.Amo quasi tutti i suoi film,anche se dall’ opera rock portata sullo schermo “Tommy”e ,ad esempio,dalla”Tana del verme bianco”,mi aspettavo un pò di più.Ma altri suoi film sono estremamente sottovalutati,a cominciare da “Gothic” capolavoro straordinario che ha avuto il solo torto di uscire negli anni ’80 ed essere inserito nel calderone dei film horror del periodo(piuttosto dozzinali e lontani dal gusto estetico che contraddistingueva molte opere degli anni ’60,che infatti più che horror andrebbero ricordate appunto come gotiche).Poi sul fatto che “I Diavoli”,”Donne in amore” e “L’altra faccia dell’amore”,facciano parte della storia del cinema,ormai anche i critici più ostili sono concordi.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.