Magazine: No Thyself

0
Condividi:

Il recente revival post-punk non poteva essere privato di un nuovo album dei mitici Magazine dopo la loro inattesa riunione nel 2009. Dal momento che la morte di John McGeoch nel 2004 non rendeva possibile, di fatto, che la band potesse ritornare con la solita line-up,  a Devoto, Dave Formula (tastiere), John Doyle (batteria) e Barry Adamson – non presente nel disco di cui parliamo e sostituito da John ‘Stan’ White –  si è aggiunto il chitarrista di Devoto nei Luxuria, Noko (Norman Fisher-Jones). No Thyself arriva dopo circa 30 anni di attesa per i fan ed è un lavoro decisamente bello, oscuro e complesso, perfettamente in linea con la produzione classica dei Magazine. Basta ascoltare un pezzo come “Holy Dotage”, con la batteria martellante ed ipnotica, il suono dell’organo e l’inconfondibile voce di Devoto; solo lui, del resto poteva disinvoltamente rivolgersi a due icone come Ian Curtis e Kurt Cobain – “Hello Mister Curtis (With Apologies)” – chiedendo loro ‘dov’è il dolore?’. “Do the meaning”,la canzone con cui si apre l’album, è stata ovunque apprezzata per il particolare arrangiamento giocato fra chitarra e tastiera; “The Worst of Progress” è elegante ma straordinariamente oscura: il pianoforte si inserisce qua e là con un suono vagamente allucinato. Non si può del resto  non notare quanto in tutto il disco il tastierista Dave Formula si comporti egregiamente! Per quanto riguarda “The burden of a song”, diversi hanno rilevato la somiglianza con la molto più vecchia “The light pours out of me”, presente sul primo album della band: che dire se non che sono entrambe bellissime? Tutti i pezzi di No thyself fanno comunque comprendere che la vena creativa dei Magazine non è morta e neanche ‘invecchiata’; non è dunque impossibile ravvivare la tradizione post-punk producendo musica originale e di grande valore. Infine, si noti in copertina la litografia di Odilon Redon, pittore francese vicino al simbolismo, che rappresenta una figura umana con caratteristiche alquanto scimmiesche: quale messaggio avranno così voluto trasmetterci i Magazine?

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.