Arcana: As Brigth As a Thousand Stars

0
Condividi:

Gli Arcana, storico nome dell’ambient-gothic svedese, giungono con As Bright As Thousand Stars al loro ottavo album. Il gruppo svedese è ormai un nome consolidato per tutti coloro che amano le atmosfere oscure, solenni e medievali. Dopo aver inciso, all’inizio della carriera, con la leggendaria Cold Meat Industry di Roger Karmanik – Dark Age of Reason rimane ancora oggi un piccolo classico – e successivamente con la Projekt, in questo nuovo lavoro si affidano alla Cyclic Low, etichetta influente in ambito dark-wave.

Il parallelismo con I Dead Can Dance (oltre quello con gli In The Nursery per la marzialità del suono), a cui sono da sempre accostati, è indubbiamente evidente soprattutto considerando l’evoluzione sonora del gruppo che ha seguito le orme della carriera del duo Gerrard/Perry tanto che il loro album del  2005  – Le Serpent Rouge – è stato definito dalla critica il loro Spiritchaser in quanto ne ricalcava la svolta etnica. Con Raspail, uscito nel 2008, le coordinate musicali non sono cambiate e la sensazione è stata quella di ascoltare un suono pesantemente derivativo.

Con As Bright As Thousand Stars gli Arcana, rispetto alle prove recenti, sembrano aver messo maggiormente a fuoco il sound e il disco, pur sempre debitore dei Dead Can Dance, ha anche altri riferimenti. In particolare in “Infinity”, traccia che si avvale di efficaci percussioni etniche, emerge l’influenza di Jon Hassell. Ottima anche l’eterea “Inceptus”, pezzo orientaleggiante e magniloquente. Come da tradizione le sonorità dell’album sono molto dark e gotiche come si può ascoltare in “Leave me be”, “Medea” e la maestosa “The Fading Shadow”. Buona anche l’iniziale title-track, cupa e marziale e la conclusiva “Vinter”, una tenue e atmosferica elegia per pianoforte.

Un disco migliore rispetto alle ultime uscite che non deluderà quelli che hanno seguito e apprezzato il gruppo nel corso degli anni.

Email: http://www.myspace.com/peterbjargo
TagsArcana
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.