Limbo: Unholy Rituals

0
Condividi:

I Limbo, uno dei gruppi leggendari e migliori del post-punk e della musica elettronica italiana degli anni ’80 e ’90 pubblicano, per la Radical Matters, Unholy Rituals. Si tratta di un disco enigmatico e oscuro  di musica industrial e dark-ambient che vuole essere sia una commemorazione della carriera dell’entità Limbo sia un nuovo lavoro. In ogni caso non preannuncia il ritorno sulle scene del gruppo. Unholy Rituals è un prodotto particolare ed è da considerare un vero e proprio oggetto d’arte: sono due volumi in vinile in formato “one of a kind” (ogni vinile è inciso copia per copia). L’artwork di questo vero e proprio multiplo d’arte, uscito in un’edizione limitata e autografata, comprende una cornice, un vetro stampato che diventa proiettore di ombre e degli inserti ed è stato concepito da Sandro Gronchi della Radical Matters.

La musica è cupa, esoterica ed evocativa: Gianluca Becuzzi ha usato la tecnica del demix (un metodo compositivo che decontestualizza intere porzioni audio ricontestualizzandole in altra forma) utilizzando fonti sonore tratte dal primo mini-Lp e dai successivi tre album dei Limbo e altre appartenenti a entità artistiche esteticamente affini come i primi Current 93, Nurse With Wound, Pyschic TV, Illusion of Safety e Non. Nel magma esoterico delle quattro composizioni  i più attenti riconosceranno un frammento di “From Broken Cross, Locust” dal leggendario album capolavoro dei Current 93 Dogs Blood Rising. E in effetti l’atmosfera generale di Unholy Rituals è oppressiva e inquietante con profondi e precisi riferimenti occulti tratti dal celebre esoterista e alchimista italiano Giuliano Kremmerz. Si tratta di un viaggio ipnotico e psichico dove vengono evocate simbologie e rituali alchemici. Non è musica che lascia indifferenti e se ci si lascia trasportare dal flusso sonoro del disco si entra in un’altra dimensione spazio temporale.

Unholy Rituals è un lavoro destinato a diventare un vero e proprio oggetto di culto da collezionare e una dimostrazione dell’arte di Gianluca Becuzzi. Chi ha amato alla follia i Limbo non dovrebbe lasciarselo sfuggire.

Per informazioni: http://www.myspace.com/limbo-official
Web: http://www.radicalmatters.com/
TagsLimbo
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.