Bat For Lashes: The Haunted Man

0
Condividi:

Fra le uscite del 2012 ancora da segnalare il terzo album di Bat for Lashes, il progetto di Natasha Khan che ha ottenuto in passato giudizi quasi sempre lusinghieri da parte della critica, tanto che, pur trattandosi sostanzialmente di una songwriter, anche noi di Ver Sacrum ci siamo occupati del suo precedente album Two Suns. Stiamo parlando di The Haunted Man che non delude ma, francamente, neanche entusiasma: rispetto ai precedenti appare come un lavoro malinconico ed introspettivo che, di primo acchito, ricorda molto Kate Bush soprattutto nello stile di canto, mentre gli arrangiamenti elettronici sono divenuti più semplici e lineari, inclini più che mai al pop elegante, quello di classe che, comunque, si ascolta volentieri. Apre “Lilies” con note anche troppo morbide e carezzevoli che si appoggiano ad un sostenuto muro elettronico; subito dopo,All Your Gold” si cimenta con chitarra ed un ritmo garbatamente modulato. In “Horses Of The Sun”, uno degli episodi migliori, si apprezza il contributo di Adrian Utley dei Portishead. Resta da segnalare “Laura”, uscita anche come singolo, che ha tutti i numeri per essere una hit come “Daniel” nell’album precedente: ballata dalle dolci note al pianoforte ha una melodia fra le più accattivanti, benchè rischi la melassa ad ogni piè sospinto. Anche la title track è un brano gradevole, per quanto di toni più seriosi e ritmo in crescendo, con un curioso coro di sottofondo che introduce il canto di lei a gola spiegata; “Marilyn” è un ulteriore esempio calzante del mood melodico della Khan: qui abbiamo la presenza di Beck che suona chitarra e synth. Infine “Deep Sea Diver” – voce e tastiera più elaborata – suona piuttosto cupa e complessa e meno orecchiabile. In copertina, la foto in bianco e nero dell’americano Ryan McGinley ritrae l’artista completamente svestita con un uomo sulle spalle, come se fosse la preda della sua caccia: il suo aspetto nudo e del tutto disadorno fa pensare che in questo album la Khan abbia inteso lasciar trasparire la propria anima.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.