Superhorrorfuck: Gore-geous dead

0
Condividi:

Venendo sottoposti quotidianamente a rappresentazioni dell’orrore in tutte le sue molteplici forme, dobbiamo porci il quesito di quale sia, o dove sia possibile situare, il confine tra realtà ed immaginazione, limite che s’è fatto sempre più labile, fino a confondersi in una epifania di violenza e brutalità, troppo ispesso gratuite. Ecco che il rock, anche nelle sue forme più estreme ed inclini all’esagerazione, ha dovuto adattarsi, assumendo a volte un aspetto volutamente enfatizzato, svincolandosi da quanto accade nel presente. I cinque Superhorrorfuck, come direbbe un caro amico “c’hanno l’attitudine giusta”. Costui è tipo lungimirante e navigato frequentatore dell’underground, ed io mi fido del suo giudizio. Dr. Freak, Paghalloween, Sgt. Anubis, Mr. 4 e Littlebomb sono tremendamente efficaci, mashuppando senza ritegno Kiss, Murderdolls, Backyard Babies epperchenò pure Wrathchild (per quei bei riffoni carichi che sanno tanto di H.M. della prima ondata britannica) e Tattoed Love Boys, rimestando un pastone ribollente di glam anthemico e ferocemente ruffiano, sorretto dall’impalcatura le cui putrelle sono costituite da una coppia di chitarre indomite, pronte a lanciarsi in cavalcate irresistibili, e di rasoiate punk’n’roll lordato di plasma e di frattaglie varie; un corpo sonico imputridito che pure il bravo anatomo-patologo di C.S.I. Las Vegas, quel simpatico vecchietto colla barba bianca, avrebbe il suo bel daffare per determinare la causa del decesso. Necroscopia resa ancor più complicata da una sezione ritmica selvaggia e da un cantante che, alla faccia della brutta cera, si propone come una sorta di nipote di Michael Monroe se possibile ancor più degenere del vecchio zio. Eppoi bastano queste quattro canzoni, tirate a lucido come i teschi esposti con cura nella bacheca dello studio d’un antropologo, perché questo è il fascino del r’n’r, baby, lascivo, adescante, ma pronto a sferrarti una pugnalata tra le scapole ed a scaraventarti nella fossa…

Per informazioni: http://www.logicillogic.net
Web: http://www.superhorrorfuck.net
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.