My Tin Apple: The crow's lullaby

0
Condividi:

Potremmo classificarli come alternative, ma rischieremmo di ingabbiare la loro proposta in un ambito che non è propriamente loro. I cinque My Tin Apple fanno sfoggio di influenze diverse e differenziate, ma inserite in un contesto unitario, al punto che The crow’s lullaby potrà sorprendere anche l’ascoltatore più smaliziato, ad ogni svolta impressa alla narrazione sonora. Chitarre ed elettronica possono convivere perfettamente, lo sappiamo ormai da anni, a patto che vengano perfettamente equilibrati i loro rispettivi pesi all’interno dell’opera, ed è questo l’approccio individuato dal combo italiano, ed i profitti sono evidenti a partire dalla title-track, posta in seconda posizione di una scaletta che comprende tredici brani davvero intriganti. Merito anche del particolare timbro vocale di Gianluca Gabriele.La sezione ritmica svolge un fondamentale lavoro di tessitura (Francesco Vannini alle percussioni e Marco Bruni al basso), mentre le due sei corde si dividono un compito di non facile svolgimento, assicurare a The crow’s lullaby la giusta verve espositiva, senza lasciarsi prendere da smanie di protagonismo. Luca Cecchi e Massimiliano Ciani (addetto pure al synth) riescono a bilanciare i propri interventi, e la visione evoluta che del metal (o forse semplicemente del rock) hanno i My Tin Apple può costituire un interessante modello di sviluppo di certe tematiche che attraversano generi contigui, ma sovente tenuti ben separati gli uni dagli altri (“Drama” è assai devota agli A Perfect Circle, traendo ispirazione dal loro composito songbook). Assai interessante l’apparato lirico che sostiene ogni singolo episodio, tra i brani che più mi hanno intrigato, “I have seen a lie”, “Pixel”, “Dalì” ed “A place to go” sono quelli che ho riascoltato più volte. Ma, voglio sottolinearlo vieppiù, è l’intiero The crow’s lullaby a tener ben desta l’attenzione di colui che a questo interessante lavoro intende approcciarsi.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.