Light House: In Their Image

0
Condividi:

Nato da un paio d’anni, il progetto americano Light House di Dawn Sharp e Chris Relyea – quest’ultimo già tastierista dei Rapture – con la collaborazione di Brooks Blackhawk  degli Atriarch ha di recente rilasciato con la Mannequin questo EP in formato vinile e digitale, In Their Image, di cui aveva in precedenza messo in circolazione una versione in cassetta autoprodotta. Si tratta di quattro brani in stile coldwave, molto legati al post-punk anni ’80, dalla struttura minimale ma davvero molto suggestivi. La voce di Dawn Sharp oscilla fra momenti freddi ed altri ‘ethereal’, disegnando paesaggi sottili ed arcani. La bella title track inizia in modo quasi apocalittico: synth cupissimo che va crescendo in note agghiaccianti e la voce di Dawn seppur remota, prevale ed incatena, dominando le tempeste con tonalità a volte minacciose, a volte appassionate come una preghiera. Segue “Watchword”, dal ritmo pulsante ed ipnotico, mentre “Walls Want Communion” è pervasa da un’atmosfera drammatica, resa estremamente inquietante dal gioco di synth e distorsioni di chitarra che sorregge i toni freddi e ripetitivi del canto. Infine “Seven Seas You Sent”, evocativa e malinconica, è quella più vicina all’ispirazione di partenza. La musica dei Light House contiene, a mio avviso, ottime premesse per risultati validi.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.