The Harrow: The Harrow

0
Condividi:

Giunge da Brooklyn-NYC una delle più interessanti realtà in ambito cold-wave regalataci da questo ultimo scorcio di 2013. The Harrow annoverano in formazione elementi di valore quali l’ottima interprete Vanessa Irena, l’ex Revel Hotel, Dream Affair (e nella band del Chameleons Mark Burgess) Frank Deserto (basso), delle chitarre dark’n’dreamy di Greg Fasolino (che conobbi nei Bell Hollow, da me istesso recensiti col loro “Foxgloves” nel 2008) ed infine dal tastierista Barrett Hyatt. Come è costume che negli ultimi anni si va diffondendo, un vezzo od una necessità?, The harrow EP è stato pubblicato in forma strettamente privata su audiocassetta, mentre la release digitale viene targata Function Operate. The Harrow esprimono attraverso le loro composizioni una melancholia composta ed elegante, “The river”, “To a figure”, “Milk and honey” non solo sono formalmente ineccepibili, ma lasciano trasparire una vena intimista e riflessiva degna delle migliori produzioni Projekt. Le singole esperienze vengono messe a frutto incrociandole fra loro, generando un  suono personale ed identificabile. Un ottimo viatico per un futuro che (potendo contare su Deserto e Fasolino, oltre che musicisti pure dee-jay, blogger, giornalisti, quindi ben introdotti nella sfaccettata scena nuovayorchese) potrà rifulgere, dall’ascolto di queste cinque canzoni si può tranquillamente affermare che se lo meritano.

Per informazioni: http://www.facebook.com/functionoperate, http://www.souncloud.com/the-harrow
Web: http://www.facebook.com/theharrownyc
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.