Balestrazzi/UNCODIFIED

0
Condividi:

Esce il decimo Tape Crash della Old Bicycle Records, etichetta di culto specializzata in musica industriale e oscura. Questa volta si tratta di uno split a cui partecipano il grande Simon Balestrazzi, figura di riferimento in Italia per quanto concerne la musica sperimentale e industrial (ricordiamo i suoi mitici trascorsi nei leggendari T.A.C.) e gli Uncodified di Corrado Altieri, anche lui ormai personaggio noto a chi segue queste sonorità. Di recente i due hanno collaborato nell’interessante progetto Chandor Chasma qui recensito su Ver Sacrum. I due “vecchi” rappresentanti della “Old-School” si confermano ancora in grande forma e, per l’occasione, ci regalano due grandi pezzi e musica che suona ancora fresca e stimolante. Balestrazzi compone una ballata divisa in tre parti dedicata al “Minotauro” di Durrenmatt. Siamo dalle parti di suoni isolazionisti, noise e dark-ambient che ricordano alcune sue ultime produzioni. Il tutto viene assemblato con grande classe e competenza. Sembra la colonna sonora perfetta per un film di fantascienza apocalittico: le “immagini” evocate sembrano uscite dalla fantasia dello scrittore James Graham Ballard. La musica che ci proongono gli Uncodified nell’altro lato è ancora più corrosiva e cupa e fa pensare a desolati scenari di città industriali in rovina in cui l’umanità è quasi scomparsa. Viene in mente un nome “storico” dell’industrial italiano come Maurizio Bianchi. Sembra non esserci posto per nessuna speranza, è un commento sonoro crudo e senza compromessi. Alla fine possiamo ascoltare il rumore in sottofondo di un elicottero che sorvola di notte un paesaggio da incubo. Pubblicazione imperdibile per i cultori dell’indistrial italiano.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.