Primeval Realm: Primordial light

0
Condividi:

Joe Potash ama il doom più autarchico, pochi fronzoli, voce stentorea, gran lavoro di chitarra accompagnata da basso e batteria autorevoli, citazioni iommiane ben calibrate ed attento studio dei manifesti del genere. Sette pezzi (fra i quali spicca la lunga, intrigante strumentale “Galaxy lifter”) ove la sei corde assume le forme d’una ascia messa nelle mani dell’esperto artigiano che lavora con cura il legno, lasciando poi che le tastiere completino l’opera cesellando con cura la superficie. Nessun nerboruto a menar fendenti, ma nemmeno troppa grazia elargita senza pudore, come troppi colleghi usano oggidì. Le radici ben piantate nei settanta, un’interpretazione maestosa di un genere che riserva ancora piacevoli sorprese, non solo lentezza sulfurea, ma anche episodi più snelli ove lasciar scorrere le note, lasciando all’intrigante “Primordial light… departure” il compito di chiudere l’opera e di meravigliare l’ascoltatore: è il flauto dell’ospite Tom Verdi a caratterizzare un episodio atipico, che sembra descrivere la quiete bucolica del villaggio che s’appresta ad una giornata di festa dopo tanto, duro lavoro (perché la terra da dissodare è tanta e selvaggia). Potash evidentemente non vuole farsi ricordare solo per la muscolarità di “Heavy is this mind” e di “Electric knowledge”, ed in questo è ben spalleggiato dai compari d’avventura Reed Thomas, Mike White e Brian Leahy, i quali sanno come sostenere il main-man nelle sue fughe notturne alla ricerca dell’essenza del doom, che in “Night of the wolfmoon” si accende di luce propria, appropriandosi d’una epica tutta americana (St. Vitus e Trouble in “Black flames & shadows”), come certi quadri di Albert Bierstadt e di Frederic E. Church ove la Natura par pronta a rovesciare sul piccolo uomo tutta la sua indicibile potenza. Uno dei tanti, Primordial light, non da annali, ma nemmeno da dimenticare troppo in fetta. Una pacca sulla spalla all’onesto Potash ed ai suoi Primeval Realm, ponte fra passato e presente della falange più oscura (non solo nei suoni), dell’heavy metal.

Per informazioni: http://www.puresteel-records.com
Web: http://www.facebook.com/PrimevalRealm
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.