Lost Tribe: Solace

0
Condividi:

Attivi fin dal 2011, i Lost Tribe di Richmond (VA) si sono evidenziati fin dal principio per le loro ‘energiche’ scelte musicali, ispirate ad una sorta di ‘dark-punk’ spinto fino alle forme più estreme di death-rock: le atmosfere sono evidentemente cupe, con l’uso potente del basso, ritmi insistenti e rabbiosi dalle tinte tribali. I loro riferimenti risalgono, com’è ovvio, agli anni ’80, ma i nostri sono riusciti a dar loro una forma personale, tanto da procurarsi dei seguaci anche in un ambito che ormai riserva per tutti poche sorprese: così, dopo l’uscita abbastanza in sordina del debut album omonimo per Blind Prophet, il secondo lavoro è apparso qualche mese fa negli USA per la Mass Media Records e in Europa per Avant! Records, etichetta nostrana di notevole interesse. Solace, inutile dirlo, è un disco di un certo impatto. Le sonorità sono ‘acuminate’ e nervose esattamente come è nello stile dei Lost Tribe e non mancano momenti da cardiopalmo. La prima traccia, “Disease”, dopo un lugubre inizio, apre uno scenario di ‘isterismo’ e tenebra, in cui synth, rimbombo di basso e chitarra maligna ben sanno ‘contornare’ il canto alla Jaz Coleman. Di seguito,  in “Rise Or Fail” i toni restano abrasivi ma la chitarra a mio avviso è davvero geniale e, dopo i cinque minuti un po’ ‘gotici’ di “Century”, ci ‘riposiamo’ con due brevi intermezzi strumentali che precedono l’apocalittica “Midnight Rain” e questa, in quanto a potenza e a ritmo ‘assassino’, dà dei punti a tutti. Infine “Conquer” è un’ossessione parossistica di drumming indiavolato, chitarra tagliente (ma incredibile!!) e voce scomposta e la conclusiva “Dungeon Of Stones” è incentrata sulla ancora una volta bellissima, praticamente ‘orgasmica’ chitarra che il canto sembra più che altro assecondare. Solace, dunque, ha tutti i numeri per animare le più ‘ebbre’ fra le nostre serate e per affibbiarci un paio di scosse liberatorie.

Per informazioni: http://avantrecords.bandcamp.com/album/lost-tribe-solace
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.