Sorry, Heels: The accuracy of silence

0
Condividi:

Si completa la prima parte del percorso artistico del valido quartetto dei Sorry, Heels, passo doveroso che segue i due promettenti EP “Wasted” e “Distances”, coi quali avevano solleticato gli appetiti degli appassionati di dark/goth, proposta resa più intrigante dalle esperienze maturate da Fabiano e da David. Se l’iniziale “Light’s end” può sembrare interlocutoria, “Carving a smile” convincerà tutti in virtù di una struttura duttile e di un gradevolissimo aroma dolciastro. Con “Passing through” le quotazioni di The accuracy of silence lievitano, le belle melodie che profumano tanto di C86 non vengono relegate a mere comprimarie e la brava Simona sa interpretarle con gusto, confermandosi nella successiva “Last day” ottima interprete di canzoni che paiono cucite addosso alla sua espressiva vocalità. Le chitarre s’impennano disegnando oblique traiettorie, supportate dalla dinamica sezione ritmica, è gioia per le nostre orecchie frastornate da tante banalità che ci vengono spacciate per opere di valore. “In love with silence” rimanda a Chants of Maldoror e Human Disease, death-rock sublime per il nuovo millennio! “Fragment” è dissonante e nervosa, “Bruises, not scars” fa compiere a The accuracy of silence l’ennesima svolta, facendoci attraversare le praterie celesti del dream-pop, e lasciandoci sospesi a mezz’aria. Ma il colpo a sorpresa giunge all’ottava traccia: è nientemeno che “N.I.B.” del Sabba Nero, e qui traccio una linea che congiunge i frusinati ai veterani Neon; anch’essi trassero dal repertorio dei Sabbath un brano della portata di “Paranoid”, e lo fecero senza mostrar timore, solo troppa deferenza. I Sorry, Heel sono più coraggiosi dei fiorentini, stravolgendo l’originale senza usar però violenza, in questo accostandosi allo stile dei Cardigans (che coverizzarono “Iron man”, “Sabbath bloody sabbath” e “Changes”). Gothic Music Records ha visto giusto scritturando i Sorry, Heels, i quali sapranno farsi onore e renderanno ancor più prezioso il repertorio della label finnica.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.