Graveworm: Ascending hate

0
Condividi:

La statura internazionale dei Graveworm è certificata dall’appartenenza al roster di una delle etichette più attive in ambito metal, termine da considerare nella sua più ampia accezione. Con Ascending hate giungono alla loro nona pubblicazione in full-length, sappiatemi indicare voi quanti raggiungono questo traguardo, in Italia… Ed a questi livelli, voglio sottolineare. Trattasi di metal darkeggiante ed incline all’estremo, ove la componente gotica (pochi orpelli, merletti ed abbellimenti) è diluita, con l’apporto fondamentale delle tastiere (e di piacevoli intermezzi acustici incastrati tra porzioni più spigliate) ad alleggerire una trama spessa ordita da chitarre bellicose (è di nuovo della partita Stefan Unterpertinger, rientrato in seno al combo nel 2012). I Graveworm si pongono idealmente fra Cemetery e Lake of Tears, svelando più affinità nei confronti dei secondi (il loro “Illwill” del 2011 lo ascolto ancora con rinnovato piacere) che dei primi. Meno convincenti quando si lanciano in forsennate cavalcate attraverso lande desolate cinte da una sempiterna foschia, decisamente più efficaci nelle parti rallentate e nei mid-tempo (“Rise again”, “Buried alive”, “Blood torture death”), ove fanno sfoggio dell’esperienza e danno fondo ad un bagaglio tecnico alimentato da anni di onorata carriera: il vero manifesto di Ascending hate è la maestosa “Stillborn”, episodio cardine dell’intiero disco (che nella versione digipack contiene pure la cover di “Runaway” dei Bon Jovi, in passato omaggiarono pure R.E.M., Police, Bonnie Tyler, oltre ai più ovvi Iron Maiden ed Helloween). Nel complesso Ascending hate (chiuso dalla melodrammatica “Nocturnal hymns part II – Death’s anthem”) risulta disco di fattura eccellente, privo di episodi deboli ma pure di picchi sorprendenti: solidi ed affidabili, gli altoatesini, la fantasia la lasciano ad altri, ma con questi risultati, ne hanno bisogno?

Per informazioni: http://www.afm-records.de
Web: http://www.graveworm.de
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.