Gianluca Becuzzi: Deceptionland

0
Condividi:

Esce Deceptionland, il nuovo album di Gianluca Becuzzi, nome storico del dark italiano e leader dei Limbo, gruppo fondamentale della nostrana scena gotica ormai sciolto di cui è appena stato ristampato un piccolo classico come My Whip Your Flesh. Di recente Becuzzi ha pubblicato un tributo ai Limbo (Gianluca Becuzzi Plays Limbo Unholy Rituals Vol. I/II/III ). Deceptionland rappresenta un po’ la ”summa” del nuovo corso dell’artista livornese che dimostra di avere un solido background di ascolti in ambito di musica sperimentale e di avanguardia. Rispetto al precedente We Can Be Everywhere, orientato verso un dark-ambient oscuro, in questo lavoro emerge una maggiore varietà di soluzioni sonore. Le atmosfere e le ambientazioni sono sempre cupe e ossessive. La materia sonora viene processata e modellata e viene usata la tecnica del “field recording”.

L’inizio di “Taxidermy” è meditativo, percussivo e dark-ambient. La seconda traccia, la lunga “Where The Grass Grows High (vocal)”, è imponente, oscura e rituale con la voce di Becuzzi che declama ieratica e i fiati spettrali dell’ospite Massimo “Noisedelik” Olla in evidenza. Le sonorità elettroniche, minimali, oscure ed esoteriche possono ricordare alcuni degli ultimi album dei Coil come Moon’s Milk e Black Antlers. Nella successiva “About The Case Of Isa Bauer” – dedicata a una celebre paziente di Freud affetta da isteria – la voce di Dalila Kayros ci immerge in scenari da incubo. “Beats And Burns (short)” è caratterizzata da brevi pulsazioni sintetiche e da voci malate e inquietanti degne di un film horror. Percussioni rituali introducono la lugubre “God Flooding (Whispering)”. In “Dh Like Doghead” ascoltiamo ancora i vocalizzi incubici di Dalila Kayros mentre in “If The Crows Are Hungry (vocal)” è  il vocione di Becuzzi a declamare come un antico sacerdote sulle consuete sonorità minimali e ipnotiche. La conclusiva “Deeper” chiude l’album con sinistri cigolii e battiti ossessivi.

Deceptionland è un ottimo disco, probabilmente una delle produzioni migliori della seconda fase artistica di Gianluca Becuzzi. Lavoro caldamente consigliato agli amanti della musica sperimentale, del dark-ambient e dell’industrial esoterico. Disponibile su Bandcamp (http://swissdarknights.bandcamp.com/album/deceptionland) e su Discogs (http://www.discogs.com/Gianluca-Becuzzi-Deceptionland/release/7323472).

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.