Blitzkrieg Baby: Cannibal Commando

0
Condividi:

Seconda release per il progetto norvegese Blitzkrieg Baby, nato ormai da diversi anni per volontà del carismatico Kim Sølve, con la collaborazione di alcuni altri musicisti. L’EP Cannibal Commando, che è uscito in cassetta per la svedese Beläten, contiene cinque tracce, tutte nello stile che da sempre caratterizza le produzioni del nostro e che lui stesso ha definito ‘Ultra Negative Industrial Pop’. In verità la musica di Blitzkrieg Baby risulta assai meno ostica di quanto voglia dare ad intendere: nonostante sfrutti abilmente tutte le possibilità che gli abbinamenti di ‘rumorismi’ industriali con il noise in senso lato gli offrono, il tutto è gestito con intelligenza e sobriamente dosato, così da trasmettere tutte le impressioni negative che palesemente Sølve mira a suscitare ma senza risultare un ascolto choccante. Va da sé che non si tratta di una formula unica al mondo, anzi, si inserisce in una tradizione che ad oggi è stata ampiamente esplorata, così come la distopia negativa che sarebbe la base ‘ideologica’ del progetto. Si apre all’insegna dell’inquietudine con la title track: ritmica marziale, aspre sonorità elettroniche che fanno da sfondo ad insinuanti sussurri, non meraviglia che abbia per oggetto un tema scottante come le atrocità della guerra. Segue “There Will Be Casualties” il cui scenario drammatico emerge fra ‘sonorità’ industrial sinistramente ripetitive ed una voce aggressiva che sembra inveire contro chi ascolta: il risultato è decisamente ‘ansiogeno’. Poi, dopo il breve interludio ambient arcano ed astrattissimo di “This Is Where Empathy Comes To Die”, ecco “Spit”, efficace episodio ipnotico/tribale in cui la voce, fra canto e recitazione, lascia cadere parole ben poco rassicuranti e, per ultimo,  il ‘roboante’ finale di “Cut. Slash. Maim. Kill”, ben riuscito amalgama di ‘rumorismi’ e ritmica marziale, che conclude un ascolto soddisfacente che sarebbe anche potuto durare più a lungo.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.