Stonewitch: The Godless

0
Condividi:

Trattasi della ristampa (su musicassetta) del demo che segnò il debutto del quartetto francese degli Stonewitch (anche se in rete ho reperito una formazione allargata a cinque elementi priva del batterista Fog). Opera che riflette pregi e carenze di un esordio, in primis è evidente che il difetto d’esperienza verrà colmato col trascorrere del tempo e con l’esercizio assiduo, le cinque tracce (una però è la reprise della title-track) sono chiaramente impostate sul doom più autarchico ed incompromesso, quello che va fatto risalire ai seminali Saint Vitus e che venen degnamente ripreso in seguito dai Cathedral (epoca “The ethereal mirror”). La voce di Serge è l’elemento che necessita di maggiore messa a punto, non giovando inoltre alla stessa una registrazione assai grezza (e qui suonando punky rimanda proprio ai californiani di Dave Chandler e colleghi). “Wintery falls” e “The Godless” segnano diversi punti a favore dei transalpini, accompagnandoci a “Miry green dome arise”, episodio nel quale la paternità di Lee Dorrian/Gary Jennings è evidente (mi riferisco in questo caso addirittura ad “In memorium”!), certificata da un andamento lento e solenne, da un finale nel quale le chitarre assurgono al ruolo di protagoniste e da un cantato finalmente in grado di liberare tutta la propria espressività. Certo trattasi di una prima che necessita, per forza, di conferme, anche e soprattutto tenendo in debita considerazione l’agguerrita concorrenza che li attende al varco.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.