Lady Into Fox: Lady Into Fox

0
Condividi:

ladyOgni tanto capita anche di parlare di progetti inediti interessanti e Lady Into Fox è uno di questi. Costituito dai francesi Bernard Cabarrou, Stéphane Bezzina e David Toujas, il gruppo si inserisce nella prolifica ‘scena’ francese con caratteristiche proprie, attingendo da ‘territori’ musicali eterogenei pur mantenendosi entro efficaci linee wave, ed occasionalmente introducendo variazioni piuttosto insolite. I quattro brani dell’EP omonimo sono tutti godibili e particolari nell’impostazione: la voce di Cabarrou domina il contesto con sicurezza, la batteria di Toujas imprime una ritmica decisa e vigorosa e gli scenari alternano momenti ‘cold’ ad altri più ‘cinematografici’ e visionari. La prima traccia, “Voices”, è anche una delle più originali e complesse, abbinando ad una parte elettronica lieve ed accattivante il ritmo brioso e il canto intenso, mentre la chiusura vira al rock con una chitarra energica e risoluta. Troviamo poi la gradevole “Kings” che, fin dalle prime note, rivela il suo debito verso i Depeche Mode e “Voyeur” dove il clima si incupisce lasciando a chitarra e basso il ruolo più espressivo ma inserendo anche un piano dalle modalità quasi prog e fredde voci registrate: forse il brano più rappresentativo dello stile di Lady Into Fox. Infine, “Old” conclude con sonorità ‘atmosferiche’ e variegate e, soprattutto, il canto trascinante e ricco di pathos, un piccolo lavoro che mostra autenticità e idee chiare.

Condividi:

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.