Merciful Nuns: Thelema VIII

0
Condividi:

mercifulnuns_thelema

A fronte di una discografia che sta assumendo proporzioni bibliche, Seth Artaud e colleghi riescono a mantenere alta l’attenzione dell’appassionato, proponendo l’ennesimo parto discografico del progetto MN, ormai avviato a confermarsi non più come semplice prosecuzione dell’operato con la precedente sigla GoD, bensì come corpo autonomo e ben delineato. Anche se i contenuti richiamano ovviamente il passato, Thelema VIII si fonda su una omogeneità qualitativa che mai scende sotto la media della piena sufficienza, sfiorando in alcuni passaggi le vette dell’eccellenza, segno che il mestiere non è Arte che va spacciata per pochi spiccioli. Otto brani ove insistono tematiche sonore sisteriane/nephiliane, nei passaggi più movimentati, mentre non mancano derive psichedeliche/oniriche, che possiedono una forte valenza descrittiva. Ovvio che il titolo dell’opera rimanda proprio a quella Thelema, ma Artaud Seth si è dimostrato negli anni fedele ad una linea inossidabile come l’acciaio più puro, e merita pertanto se non altro rispetto. Alle otto tracce del disco principale si aggiungono ulteriori quattro, ospitate in un cd allegato e che offrono un interessante inedito. Piacciono “Dystopia”, “All seeing eye”, la conclusiva title-track e “Red flame”, Thelema VIII, come e più dei dischi che lo hanno preceduto, va comunque assunto nella sua intierezza. Rispetto all’esordio, marca una netta progressione, meglio centrando i contenuti ed ampliandone la visione complessiva, orientata sempre di più verso la creazione di atmosfere oniriche, viaggi astrali verso un ignoto che, chissà, ulteriori prove ci permetteranno di mappare. Otto pubblicazioni lunghe (anche se il minutaggio non è mai eccessivo) in sei anni, se consideriamo pure i singoli e gli eppì siamo ben oltre la dozzina, testimoniano di uno spirito iper-attivo, mosso da un’urgenza che ha pochi pari. I Merciful Nuns dividono la platea nettamente fra favorevoli e contrari, vanno comunque giudicati con serenità ed accantonando pregiudizi sterili.

 

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.